Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Sostienici

Sponsor
 

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Handre84 » 07/05/2018, 17:40

giotakamine ha scritto:Ciao,
quando ti raderai con il ML cercherai di passare vicino ai nei senza andarci direttamente con la lama. All'inizio sarà difficile e il ritocco finale lo effettuerai con il tuo fido R41.
Con molta calma e manualità alla fine il ritocco non dovrai più farlo con il tuo fido R41.
Buone sbarbate

Grazie per la risposta, ma se compro un rasoio, il mio obiettivo è quello di usarlo per tutto e non utilizzare altri strumenti per rifiniture ecc.
Per dire, la zona baffi in contropelo mi veniva benissimo con la lama sottile del Gillette multilama.
Mi sono imposto di imparare ad usare BENE il DE ed ora vado di contropelo anche in quella zona senza (quasi :D ) più nessun problema.

Discorso a parte è il limite STRUTTURALE: se il ML prevede un taglio che può mettere a repentaglio i nei, allora sono obbligato ad usare un DE per rifinire. Se invece il ML non mette a repentaglio nulla, voglio imparare ad usarlo bene per poter passare anche sui nei in pelo e contropelo, come faccio adesso.

Specifico comunque che l’acquisto del ML è una cosa che mi stuzzica parecchio ma avverrà tra MOLTO tempo: prima voglio godermi ed imparare perfettamente ad usare i DE.

Ma in fondo so già che un giorno, un ML entrerà in casa... per come la vedo io, l’utilizzo di quel tipo di rasoio è il punto d’arrivo della rasatura :)

Grazie ancora!
Non esiste una curva dove non si possa sorpassare. (Ayrton Senna)
A parità di macchina, se voglio che uno mi stia dietro, state tranquilli che ci resta. (Gilles Villeneuve)
Il secondo è il primo degli ultimi. (Enzo Ferrari)
Avatar utente
Handre84
 
Messaggi: 291
Images: 1
Iscritto il: 21/02/2018, 21:39
Località: Milano

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda giotakamine » 07/05/2018, 19:00

Ciao,
nessun problema di dissanguamento con ML. Come ogni strumento va rispettato e conosciuto senza alcuna fretta. Se ti imponi di imparare ad usare BENE il ML, userai bene il ML.
Io ho dei nei vicino al mento e con calma ci vado molto vicino e cerco di non tagliarlo (ovviamente).
Ti consigliavo di rifinirlo con DE, solo ed unicamente, perchè non conosco l'entità e l'esposizione del neo.
Buona sbarbata
Avatar utente
giotakamine
 
Messaggi: 70
Images: 70
Iscritto il: 09/08/2017, 9:13
Località: Legnano (Mi)

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda andreat63 » 07/05/2018, 19:38

io avevo dei polipini nella zona del collo ma con l'ML non si tagliavano, pur passandoci sopra con la lama. sarà che essendo di pelle, col sapone diventano molto scivolosi, tanto da essere inattaccabili dal filo del ML. penso sia così anche coi nei. comunque attendi pareri di chi ha proprio nei
andreat63
 
Messaggi: 1522
Images: 765
Iscritto il: 15/07/2010, 12:29
Località: Moglia (MN)

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda astore » 25/06/2018, 7:18

Buongiorno
dopo il DE ho deciso di provare con il ML.
chiedo a voi esperti del ML qualche suggerimento o qualche rimando a discussioni forse già avvenute nel passato.
Vengo al dunque: rasoi moderni industriali vs vintage.
Di primo istinto io comprerei un rasoio nuovo perché non sono in grado di valutare rasoi vintage, ma molti sostengono che l'acciaio dei rasoi moderni non ha le caratteristiche che rendono la rasatura confortevole come i rasoi vintage e l'affilatura risulta difficile da ottenere.
Altri, ho letto nel forum, sostengono che si trovano benissimo con i moderni Dovo, ecc.
Chiedo quindi quanto di queste affermazioni sono frutto di gusti personali e sensazioni, e quanto lo sono dal punto di vista oggettivo. Nel caso si propenda per i rasoi moderni, escludiamo ovviamente gli estremi da 14 euro made in china, ed escludendo per ora l'apprendimento dell'affilatura, occorre puntare ad una fascia di prezzo e marca, oppure è solo questione di manici, decorazioni ecc., mentre l'acciaio è il medesimo?
Grazie a tutti.
astore
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 09/03/2017, 20:11

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda macosavuoi » 25/06/2018, 8:18

Ciao, hai a disposizione proprio in questo topic un numero impressionante di discussioni sull'argomento. Hai già avuto modo di leggere?
in girum imus nocte ecce et consumimur igni
Avatar utente
macosavuoi
 
Messaggi: 818
Images: 114
Iscritto il: 14/06/2017, 9:58
Località: Salerno

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Aldebaran » 25/06/2018, 19:56

Buonasera,

di rasoi a mano libera vi sono tante marche, ne sono stati costruiti milioni di milioni, vi sono alcune caratteristiche diverse tra i vari modelli. Una risposta categorica sarebbe fuorviante. Di base, se sei un neofita, non ti affidare al mercato on line per scegliere rasoi vintage. 100 volte su 100 si prendono rottami. Un rasoio vintage è tale perché è stato costruito tanti anni fa, ne ha passate tante, bisogna vedere di che anno è e poi fare una valutazione di qualità e di valore. Bisogna comunque mandarlo a chi lo sappia restaurare ed affilare, pagare spese di spedizione e pregare che non "sparisca". Molti rasoi vintage vengono venduti a prezzi esorbitanti solo per il marchio...ma ci si rade con la lama di un rasoio, non con il suo marchio, e il miglior vintage da restaurare o con coste usurate rade peggio del peggior gold dollar. Per questo motivo sul forum abbiamo un mercatino dove membri della comunità ( esempio Altus, restauratore laureato e professionista ) vende vintage di ottimo livello considerando come sono impostate le geometrie e l'affilatura della lama, sia perché sono vintage blasonati e dalla qualità garantita.
Per quanto concerne i nuovi invece, questi vanno affilati, e anche per quanto riguarda questa categoria abbiamo stabilito la convenzione Preattoni, in modo che ti arrivino a casa affilati.
Il rasoio a mano libera richiede pazienza. Quindi inizia a leggerti questo thread per bene.
viewtopic.php?f=9&t=4991
Vi sono dei vintage che sono peggiori della maggior parte dei rasoi nuovi, altri superlativi, e anche i modelli di marche antiche prodotti ai giorni nostri mantengono ancora uno standard qualitativo adeguato.
Ad esempio, i Revisor e I Boker sono ancora ottimi, i Timor nuovi fanno pena, cosi come i Puma nuovi. La differenza in questo caso la fa la manodopera, che è cinese adesso. Ragionamenti su struttura acciaio e trattamenti termici odierni piuttosto che passati lasciano il tempo che trovano se non si dispone di attrezzature qualificate per fare rilevamenti e si scade nelle chiacchiere da bar fingendo di fare scienza.
Di base posso dire che quando si è passati da processi prettamente artigianali ad industriali ( che comunque sono iniziati durante la rivoluzione industriale, appunto, a cui appartengono i rasoi vintage, dato che si parla di circa metà dell'ottocento ) si è cercato di velocizzare certi meccanismi. Uno di questi è la lavorabilità dell'acciaio, perché cosi si diminuiscono tempi e usura delle macchine lavoratrici. Aggiungendo al ferro o all'acciaio degli elementi ( in piccole quantità percentuali ) esempio Bismuto oppure Tellurio,ecc. si migliora la malleabilità dell'acciaio. Ci è voluto tempo per capire come dosare certi elementi affinché questi non bloccassero durante le fasi di tempra la precipitazione degli altri elementi in lega. La purezza del ferro più la si tiene integra, migliore sarà il " pezzo" che ne scaturirà. Il Bismuto purtroppo si lega col ferro, non con l'acciaio.

Anche ai tempi in cui i rasoi erano costruiti in maniera prettamente artigianale, si poteva ottenere dei pezzi non propriamente "giusti" di geometria, anche perché le mole erano mosse da mulini ad acqua. Quando i fiumi ghiacciavano si era costretti a lavorare per parecchie ore al giorno in primavera ed estate per recuperare il tempo perduto in inverno. Una ditta Krupp ai tempi falli per questo motivo e anche la Boker ebbe problemi per questo motivo.
Grazie, buona serata,

Andrea

Ulteriori letture e bibliografia:

Arte e rivoluzione industriale Klingeder
William Manchester I cannoni del Krupp
Prof.Piontelli Chimica Fisica, Corrosione a Umido
Prof.Mario Dente ( allievo e collaboratore del Prof. Nobel Natta ) Teoria e Progetto dei Processi Chimici
Galassini leghe metalliche e siderurgia
Prof.Corrado Casci ( collboratore per costruzione Cesnef )Turbine Bifase
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 5434
Images: 4950
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda astore » 25/06/2018, 20:41

GRAZIE MILLE.
astore
 
Messaggi: 38
Iscritto il: 09/03/2017, 20:11

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Kissaki » 25/06/2018, 21:25

macosavuoi ha scritto:Ciao, hai a disposizione proprio in questo topic un numero impressionante di discussioni sull'argomento. Hai già avuto modo di leggere?


E' questo il problema!!!!

C'è un'infinità di 3d e interventi, che mi mandano in totale confusione.
Avatar utente
Kissaki
 
Messaggi: 187
Images: 0
Iscritto il: 10/04/2018, 15:36
Località: Milano

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Aldebaran » 25/06/2018, 23:06

Buonasera,
Premesso che per suggerimenti vi sono altre sezioni in cui scrivere, per far finire l'off-topic, faccio gentilmente notare che ho postato un link ai thread principali. Il rasoio a mano libera richiede pazienza e quindi dovete avere la pazienza di leggere e ricercare. Se la cosa vi interessa. Perché questo è il vero punto. Quando io e Fabrizio abbiamo creato il forum abbiamo spulciato prima da soli, poi con gli altri moderatori, una infinita' di testi per farvi trovare documenti da consultare in italiano. Ai tempi di materiale da consultare si trovava poco e di base avevamo solo i racconti e i documenti lasciati da mio nonno e mio zio, per fortuna tutti ancora in vita. Questo senza contare tutta la documentazione associata ai rasoi da me costruiti. Vi posso giurare che è stato tutto davvero difficile, ma ce l'abbiamo fatta, ce la farete pure voi. Grazie e buona serata, Andrea
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 5434
Images: 4950
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Jay » 30/08/2018, 22:58

Buona sera,
Per puro caso da alcune settimane ho iniziato ad usare un rasoio shavette ed è un tipo di rasatura che mi sta appassionando.
È un mondo che sto iniziando ad esplorare e volevo comprarmi un rasoio a mano libera.
Ho guardato su Amazon ma sono estremamente ignorante e non vorrei farmi ingannare dalle foto e dalle belle confezioni.

Posso chiedervi un consiglio per un rasoio con cui iniziare e che non mi dissangui nell’acquisto.

Grazie
Jay
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 22/08/2018, 16:05

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda Picone » 31/08/2018, 0:19

Dai un’occhiata al mercatino del Forum.. ;)
Avatar utente
Picone
 
Messaggi: 888
Images: 483
Iscritto il: 08/04/2017, 15:34
Località: Salerno

Re: Guida all'acquisto del rasoio a mano libera

Messaggioda altus » 31/08/2018, 9:28

Questo thread ha 57 pagine... direi che le risposte ci sono già tutte....
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 2944
Images: 2302
Iscritto il: 25/03/2013, 22:55
Località: Roma
Precedente

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Manuelecapo e 3 ospiti