Metodo di fabbricazione lamette anni 20-35

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Metodo di fabbricazione lamette anni 20-35

Sostienici

Sponsor
 

Metodo di fabbricazione lamette anni 20-35

Messaggioda Aldebaran » 18/04/2010, 7:52

.Qui riporto degli appunti dell'ing.Steiner,austriaco riguardo la fabbricazione di lamette in Italia negli anni 20-35.Ho schematizzato ed esemplificato al massimo la trattazione e i termini tecnici,penso inoltre che la fabbricazione delle lamette in questione al giorno d'oggi sia rimasta sostanzialmente la stessa.

Metodo di fabbricazione delle lamette in Italia (ditta Industria Torinese Articoli Laminati in Acciaio);anni 1920-1935. 1
.Acquisto del nastro laminato a freddo da acciaieria di primaria importanza come Uddenholm-Sandwick-Ebbinghaus;oppure

2.Laminazione a freddo di acciaio a nastro acquistato laminato a caldo;questa operazione consiste in numerosissimi passaggi al laminatoio a freddo intercalati da ricotture in forno tipo Gruenewald;le riduzioni di spessore del nastro sotto i cilindri del laminatoio,a causa dell'elevato tenore di carbonio contenuto nell'acciaio,dovevano essere necessariamente molto limitate,dell'ordine di centesimi di millimetro per volta.

3.Trancia del nastro sotto stampi speciali,montati su macchine veloci battenti da 220 a 480 colpi al minuto.

4.Tempra del nastro,seguita immediatamente da rinvenimento sotto piastra calda:in questa fase si otteneva la famosa colorazione blu,chiamata erroneamente tepra blu,immettendo vapore d'acqua a secco e ad alta temperatura nel tratto terminale della muffola del forno.

5.Timbratura del nastro con acido,di composizione diversa a seconda del nastro (blu o bianco )che si doveva timbrare.

6.Eventuale laccatura bianca o colorata del nastro,se richiesta dalla marca della lama.

7.Arrotatura ed affilatura effettuata su macchine diverse,ma in linea.L'arrotatura era effettuata con 4 gruppi di mole separate,un gruppo per ciascun filo della lametta.L'affilatura era ottenuta con una macchina nella quale giravano due cilindri di ghisa rettificati,scavati a passo di vite,ingranati l'uno dentro l'altro e sincronizzati nella rotazione ,cosparsi di pasta abrasiva che effettuava l'affilatura.

8.Ultima operazione diretta sul nastro,dopo un breve lavaggio dello stesso in vasca,era la separazionee impilatura delle lamette su supporti detti "chiodi"dalla caratteristica forma ad "U".

9.Confezionamento in busta con macchine automatiche a giostra,di tipo tedesco o italiano.

10.Inscatolamento a mano e relativa cellofanatura.


Altro metodo di fabbricazione in Italia 1920-1925.
A.I rotoli di laminato in acciaio proveniente dalla Germania o dalla Svezia venivano messi a bagno in vasche contenenti ossidi speciali per liberarne le impurita'.

B.Ricottura in forni speciali per 10-15 ore,per rendere il nastro piu' tenero e malleabile.

C.Travaso in ambiente termico per 60 ore,per il raffreddamento .

D.Laminazione a freddo su cilindri speciali per dare lo spessore necessaio ai diversi tipi di lametta cioe' 6,8,10,15 centesimi di millimetro.

E.Dai laminati il rotolo passa a cesoie circolari che ne fanno tre nastri della misura della larghezza della lama ,passati poi in tre rulli diversi.
F.Nella fase successiva si tolgono le asperita' dei bordi con speciali dispositivi e i nastri passano alle presse per le varie sagome e i fori appropiati ai modelli richiesti.

G.Ora il nastro e' pronto per la tempera coni l rinvenimento sotto piastra calda.

H.Una volta timbrata e punzonata,la lametta ha il suo nome e la propia dicitura.

I.Poi l'arrotatura e l'affilatura in duplice ordine di rulli,la disinfezione a bagno in liquidi speciali per togliere le impurita' raccolte durante la lavorazione.

L.Infine il controllo al microscopio per veirficare l'inappuntabilita' dell'affilatura.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4822
Images: 3958
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Metodo di fabbricazione lamette anni 20-35

Messaggioda Mino » 09/10/2013, 8:45

Up!
Avatar utente
Mino
 
Messaggi: 1235
Iscritto il: 17/05/2013, 14:45
Località: Latina

Re: Metodo di fabbricazione lamette anni 20-35

Messaggioda Mark the Lord » 09/10/2013, 22:47

Trovo questi argomenti molto intetessanti, sono la mia passione! Grazie 1000! ;)
Avatar utente
Mark the Lord
 
Messaggi: 835
Iscritto il: 31/05/2013, 21:16
Località: cuore verde d'Italia

Torna a Lamette

Chi c’è in linea

Visitano il forum: HolidayEquipe e 1 ospite