TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche rasoi ML

Il luogo ideale per postare i propri rasoi, e conoscerne la storia

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Sostienici

Sponsor
 

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Giovanni93 » 25/04/2017, 16:03

Grazie mille altus
Avatar utente
Giovanni93
 
Messaggi: 37
Images: 46
Iscritto il: 02/06/2016, 14:46
Località: Caltabellotta (AG)

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Giovanni93 » 28/04/2017, 18:20

Buona sera amici, ultimamente sto trovando molte belle lame :mrgreen: , vi chiedo qualche notizia su quest'ultima arrivata, qualche info sul marchio magari, presumo sia vecchiotta ma non saprei dire quanto.
Lama near wedge, 6/8 abbondanti in punta, lunga 8cm.
Ha un taglio fantastico
496194961849620
Grazie in anticipo a chi mi saprà dare qualche info :)
Avatar utente
Giovanni93
 
Messaggi: 37
Images: 46
Iscritto il: 02/06/2016, 14:46
Località: Caltabellotta (AG)

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda altus » 28/04/2017, 18:38

"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 2775
Images: 1983
Iscritto il: 25/03/2013, 22:55
Località: Roma

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Giovanni93 » 28/04/2017, 18:46

:lol: Hai ragione altus, stavolta era facile :!:
Solo una cosa:
Mi sapresti fare una datazione e dirmi di che materiale è il manico?
te ne sarei grato, ne ho 2 con lo stesso manico e non essendo molto pratico di materiali non capisco cosa sia.
Grazie mille ancora :)
Avatar utente
Giovanni93
 
Messaggi: 37
Images: 46
Iscritto il: 02/06/2016, 14:46
Località: Caltabellotta (AG)

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda altus » 28/04/2017, 19:55

L'epoca tra la fine del XIX° e l'inizio del XX°, il manico è corno (molto disidratato quindi sembra abbia le venature del legno, ma è corno nero)
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 2775
Images: 1983
Iscritto il: 25/03/2013, 22:55
Località: Roma

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Giovanni93 » 28/04/2017, 19:58

Grazie mille. :) sempre gentilissimo e disponibile
Avatar utente
Giovanni93
 
Messaggi: 37
Images: 46
Iscritto il: 02/06/2016, 14:46
Località: Caltabellotta (AG)

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Picone » 29/04/2017, 18:13

Chiedo lumi in merito..: qualcuno saprebbe dirmi qualcosa su questo biscottone??: http://www.ebay.it/itm/Vintage-American ... Sw53NY9y4Y
Avatar utente
Picone
Miglior foto di Settembre
Miglior foto di Settembre
 
Messaggi: 415
Images: 232
Iscritto il: 08/04/2017, 15:34
Località: Salerno

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Bushdoctor » 29/04/2017, 18:25

Si, ha le coste usurate quindi non merita.

Anche se bisogna dire che questo non è il posto giusto dove chiedere consigli per gli acquisti, in questo topic si chiedono informazioni storiche su rasoi di cui si è in possesso.
On the stone again
Avatar utente
Bushdoctor
 
Messaggi: 2770
Images: 454
Iscritto il: 05/05/2012, 14:42
Località: Imperia

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Picone » 29/04/2017, 18:29

Ooops! Pardon.
Poiché spesso avrò bisogno di chiedervi consigli proprio in tal senso, mi indicheresti il Topic giusto?
Grazie.
Avatar utente
Picone
Miglior foto di Settembre
Miglior foto di Settembre
 
Messaggi: 415
Images: 232
Iscritto il: 08/04/2017, 15:34
Località: Salerno

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Picone » 29/04/2017, 20:06

Grazie mille.
Avatar utente
Picone
Miglior foto di Settembre
Miglior foto di Settembre
 
Messaggi: 415
Images: 232
Iscritto il: 08/04/2017, 15:34
Località: Salerno

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda stf77no » 08/05/2017, 12:18

buon inizio di settimana a tutti, questa mattina ho ricevuto in dono questo graditissimo rasoio:
4994749946, l'identificazione è chiara ma ero molto incuriosito dalla scritta "anno di guerra 1917"... erano forse commissionati per l'esercito? oppure negli anni della IGM era normale datare oggetti d'uso comune in quel modo? inoltre chiedo ai più esperti in quel periodo la ditta Caudano da chi faceva fare i propri rasoi?
Grazie.
Avatar utente
stf77no
 
Messaggi: 543
Images: 124
Iscritto il: 13/04/2016, 13:04
Località: Novara

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda arielina » 08/05/2017, 12:35

:o Bellissimo ste! Io che colleziono solo Caudano ti invidio :o
arielina
 
Messaggi: 196
Images: 84
Iscritto il: 11/01/2016, 0:20
Località: monza brianza

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda stf77no » 08/05/2017, 12:41

Grazie, ti dirò che i Caudano piacciono molto anche a me , questo è il secondo ma spero di metterne in fila un po'.....
Avatar utente
stf77no
 
Messaggi: 543
Images: 124
Iscritto il: 13/04/2016, 13:04
Località: Novara

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda altus » 08/05/2017, 13:31

stf77no ha scritto:... ero molto incuriosito dalla scritta "anno di guerra 1917"... erano forse commissionati per l'esercito? oppure negli anni della IGM era normale datare oggetti d'uso comune in quel modo? inoltre chiedo ai più esperti in quel periodo la ditta Caudano da chi faceva fare i propri rasoi?

Alcune riflessioni e ipotesi:
Caudano acquistava solitamente dei Solingen marchiati con il suo nome (prassi diffusa) come i Puma marchiati Caudano, ma escluderei che sia il caso di questo rasoio visto l' "inimicizia" italo-tedesca nel 1917... escluderei altresì una fornitura militare essendo privo di codici o punzoni o incisioni sul manico relativi a una possibile commessa (e inoltre non venivano forniti rasoi alle truppe, erano dotazioni personali o al massimo del barbiere del reggimento acquistati con la cassa del reggimento, solo con l'avvento dei DE GIllette alle truppe americo-canadesi si ebbero forniture ufficiali). Né credo fosse prassi normale datare oggetti di uso comune in quel modo, soprattutto se fatti in "materiali riservati a usi bellici" come l'acciaio. Inoltre il 1917 fu un anno particolarmente disastroso e infausto (Caporetto e anche i moti di Torino...)
Comunque un pezzo molto interessante di probabile fattura artigianale italiana (Campobasso? Manago?)
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 2775
Images: 1983
Iscritto il: 25/03/2013, 22:55
Località: Roma

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda stf77no » 08/05/2017, 14:13

grazie della risposta, proverò ad approfondire , per quanto mi sarà possibile....
Avatar utente
stf77no
 
Messaggi: 543
Images: 124
Iscritto il: 13/04/2016, 13:04
Località: Novara

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda CozzaroNero » 08/05/2017, 23:30

Bello, complimenti Ste
Avatar utente
CozzaroNero
 
Messaggi: 507
Images: 183
Iscritto il: 28/03/2016, 14:28
Località: Vigevano (PV)

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda stf77no » 09/05/2017, 7:49

grazie, ogni tanto un po' di culo ci vuole....
Avatar utente
stf77no
 
Messaggi: 543
Images: 124
Iscritto il: 13/04/2016, 13:04
Località: Novara

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Aldebaran » 11/05/2017, 9:31

Buongiorno a Tutti!

nel 1917 e prima del Primo Conflitto Mondiale le miniere presenti in Italia capaci di far fronte alla richiesta interna di ferro erano quelle dell'isola d'Elba.

Il processamento del minerale avvenne, in Italia, ad opera di fabbriche costruite e coordinate da politici e ingegneri che si avvicendarono sulla scena politica dal 1880 al 1950 circa. Parliamo di Federico Giolitti (1880-1946), figlio dello statista Giovanni, professore presso il Regio Politecnico di Torino e collaboratore dell’Ansaldo, autore di studi sulla cementazione e sui trattamenti termici degli acciai.

Molti vengono nominati senatori del Regno, come Baldassarre Mongenet (1811-1885), Luigi e Salvatore Orlando, Giovanni Bombrini (1838-1924) dell’Ansaldo, o vengono eletti alla camera dei deputati, come lo stesso Mongenet, Vincenzo Stefano Breda, Alessandro Casalini, Giulio Rubini (1844-1917), più volte ministro del Tesoro e dei Lavori pubblici, e Salvatore Orlando.

Nel 1913, alla vigilia della Prima guerra mondiale, la produzione nazionale di ghisa supera le 426.000 t, per la maggior parte ottenute con altiforni a coke, a fronte di 235.000 t di ghisa importata. Nello stesso anno la produzione di ferro e di acciaio, ottenuta principalmente con forni Martin-Siemens e con forni elettrici, raggiunge il milione di tonnellate, al quale si deve aggiungere una quota di importazione di circa 250.000 t.

La Prima guerra mondiale costituisce un punto di svolta per le attività siderurgiche, impegnate a sostenere in ogni modo l’incremento della domanda per lo sforzo bellico. La crescita è disordinata, sostenuta dalla necessità di produrre e da una buona disponibilità economica, che fa perdere di vista i costi di produzione e la razionale utilizzazione degli impianti. Durante il conflitto, la produzione di ghisa non si discosta molto dal valore prebellico a causa dell’insufficiente disponibilità di minerale, anche se le miniere elbane toccano un massimo di 839.000 t nel 1917, mentre l’importazione raggiunge un picco di 320.000 t nel 1917. La produzione di acciaio, pur impennandosi a oltre 1,3 milioni di t nel 1917, non riesce a fare fronte alle esigenze interne, compensate da un corrispondente aumento dell’importazione di circa 800.000 t di ferro e acciaio. L’ampliamento della produzione legata al rottame richiede una forte importazione di questa materia prima dall’estero. Le fonti principali di rifornimento d’anteguerra, come Francia, Svizzera, Germania, Inghilterra e Belgio, riducono i flussi non solo durante il conflitto, ma anche nel primo dopoguerra, per alimentare i mercati interni, vista la difficoltà nel reperimento del minerale

Questo è quanto si sa sull'approvigionamento di materiale per la costruzione di questi rasoi. Potrebbe essere acciaio italiano, ma anche importato, perché il fatto che l' importazione fosse stata diminuita non vuol dire che non ci fosse.

Sulla costruzione dei rasoi si può solo ipotizzare ma nulla di preciso si può affermare.

Bibliografia
N. Garella, Mémoire sur la fabrication de la fonte et du fer en Toscane, «Annales des mines», 1839, 16, pp. 3-84.
G. Scagnetti, La siderurgia in Italia, Roma 1923.
A. Frumento, Imprese lombarde nella storia della siderurgia italiana. Il contributo dei Falck, 1° vol., 1833-1913, Milano 1952.
F. Bonelli, Lo sviluppo di una grande impresa in Italia. La Terni dal 1884 al 1962, Torino 1975.
B. De Stefano Manno, G. Matacena, Le reali ferriere ed officine di Mongiana. Una scoperta della archeologia industriale, Napoli 1979.
A. Frumento, Le Repubbliche cisalpina e italiana con particolare riguardo a siderurgia, armamenti, economia ed agli antichi luoghi lombardi del ferro. 1796-1805, Milano 1985.
A. Frumento, Il Regno d’Italia napoleonico. Siderurgia, combustibili, armamenti ed economia, 1805-1814, Milano 1991.
«Quaderni di storia della tecnologia», 1992, 2, nr. monografico: Forges et usines.
F. Degli Esposti, Le vicende della siderurgia italiana tra Unità e Seconda guerra mondiale, in La civiltà del ferro. Dalla preistoria al III millennio, a cura di W. Nicodemi, Milano 2004, pp. 323-52.
F. Pirro, 1948-1953: affermazione della siderurgia a ciclo integrale con il Piano Sinigaglia durante la ricostruzione in Italia, in La civiltà del ferro. Dalla preistoria al III millennio, a cura di W. Nicodemi, Milano 2004, pp. 383-98.
M. Cavallini, Fortuitum & sordidum opus: appunti di storia della metallurgia, Perugia 2005.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4936
Images: 4117
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda stf77no » 11/05/2017, 9:55

Grazie per il prezioso e preciso intervento, sicuramente è un oggetto molto interessante ed affascinante, purtroppo si possono fare solo supposizioni...
Avatar utente
stf77no
 
Messaggi: 543
Images: 124
Iscritto il: 13/04/2016, 13:04
Località: Novara

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Camillo68 » 12/05/2017, 11:01

Buongiorno, sono in attesa che mi arrivi un bambola un po particolare, sul codolo riporta 170 e dalle foto direi 1/2 hollow da 5 o 6/8.
Ho cercato notizie su questo modello ma non ho trovato nulla, qualcuno ha idea del periodo storico in cui è stato prodotto?

50089

50090

50092

50093
Camillo68
 
Messaggi: 214
Images: 127
Iscritto il: 27/08/2016, 17:25
Località: Genova

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Camillo68 » 12/05/2017, 14:56

Riformulo la domanda, a vostro avviso si tratta di un modello pre o post seconda guerra mondiale?
Camillo68
 
Messaggi: 214
Images: 127
Iscritto il: 27/08/2016, 17:25
Località: Genova

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda orlando » 19/05/2017, 13:17

5034950355

qualcuno riesce a dirmi qualcosa su questo rasoio? l'ho preso per imparare ad affilare ma era da restaurare, e questo è il risultato dopo varie carte vetrate e due pietre. all' interno del manico si vedono le due lettere A e W, la lama è 4/8" con ogni eventuale scritta portata via da evidenti interventi precedenti, l'ho fatta rimolare prima dell'affilatura quindi probabilmente è scesa di almeno un millimetro come spessore, ah inoltre il manico non capisco se è plastica o meno.
orlando
 
Messaggi: 21
Images: 18
Iscritto il: 30/04/2017, 12:53

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda altus » 19/05/2017, 14:00

orlando ha scritto:5034950355

qualcuno riesce a dirmi qualcosa su questo rasoio? l'ho preso per imparare ad affilare ma era da restaurare, e questo è il risultato dopo varie carte vetrate e due pietre. all' interno del manico si vedono le due lettere A e W, la lama è 4/8" con ogni eventuale scritta portata via da evidenti interventi precedenti, l'ho fatta rimolare prima dell'affilatura quindi probabilmente è scesa di almeno un millimetro come spessore, ah inoltre il manico non capisco se è plastica o meno.


Un rasoio ridotto in quel modo in altezza anche se rimolato non è la strada migliore per imparare a affilare visto che alla fine taglierà ma certamente non come un rasoio con le geometrie corrette e originali.
In assenza di punzoni e con la lama modificata pesantemente è impossibile stabilire origine e epoca.
"Le voyage est court. Essayons de le faire en premiére classe." (Noiret)
la collezione - il cantiere di restauro - gli astucci
Avatar utente
altus
 
Messaggi: 2775
Images: 1983
Iscritto il: 25/03/2013, 22:55
Località: Roma

Re: TOPIC Indentificazione e richiesta notizie storiche raso

Messaggioda Aldebaran » 19/05/2017, 14:12

Aggiungo inoltre che chi lo ha rimolato è uno scarparo. Io non avrei perso tempo con un rasoio del genere, ma evidentemente chi lo ha fatto doveva prendersi i suoi 4 soldi fregandosene del cliente....scommetto che avrà fatto lo scontrino... ( sarcasmo).
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4936
Images: 4117
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti
PrecedenteProssimo

Torna a Notizie storiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite