Pietra Arkansas.

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Pietra Arkansas.

Sostienici

Sponsor
 

Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 09/04/2010, 17:47

La piu' alta qualita' di Novaculite e' chiamata Arkansas e la possiamo trovare sulle montagne dell'Arkansas nella zona di Ouachita (pronuncia Wachataw),USA.
Ho letto il trattato Levin per documentarmi meglio in quanto e' l'unico testo piu' attendibile (geologicamente parlando).
Originariamente la roccia Novaculite esisteva sotto forma di sedimenti purissimi di silicio (chert in inglese).
Questo silicio era a sua volta formato da agglomerati calcarei e microcristalli di quarzo e silicio amorfo (opale)in minor quantita'.Inoltre vi era la presenza di qualche impurita' non meglio specificata.
Durante il periodo in cui questi sedimenti rimangono nelle profondita' piu' recondite della Terra vanno incontro ad una trasformazione metamorfica dovuta alla temperatura e alla pressione che porta il silicio a cristallizzarsi divenendo quarzo (microcristalli di quarzo).
Praticamente la Novaculite e' una roccia metamorfica di matrice sedimentaria.
La differenza sostanziale tra i depositi di tipo chert veri e propi e quelli che diedero origine alla Novaculite sono che questi ultimi hanno intrusioni di feldspati.Inoltre diversamente dagli altri depositi di stampo chert,quelli della Novaculite possono avere matrice geosinclinale ovvero una subsidenza che e' un lento e progressivo abbassamento verticale del fondo di un bacino marino o di un'area continentale. Il fenomeno è particolarmente evidente nelle aree di geosinclinale dove l'attiva sedimentazione produce imponenti serie detritiche, con potenze che possono essere di migliaia di metri; ciò è spiegabile solo ammettendo un lento abbassamento del bacino simultaneamente alla deposizione e all'accumulo dei sedimenti.
Altri giacimenti si trovano nella Turchia centrale ma questi possiedono il 25%di calcio e in Inghilterra con presenza di argille.
L'era in cui si e' formata la Novaculite dovrebbe essere intorno al periodo Paleozoico Devoniano(408-360 milioni di anni fa).
La pietra Arkansas,detta anche Novaculite,e' una roccia sedimentaria,composta principalmente da microcristalli di quarzo di circa 1-5 micron.Il quarzo c altro non e' che una delle 19 fasi di metamorfizzazione della silice.Infatti ,la formula chimica del quarzo e' (SiO2),Si sta per silicio.
A prima vista appare come una pietra densa e dura,di colore bianco-grigiastro,o di colore nero;mostra una certa luminosita'ai bordi.
Se la si rompe,la frattura avra' una forma tipica a conchiglia.
La denominazione Novacula,in latino,sta ad indicare Pietra per Rasoio.La Novaculite Whetstone ha una consistenza diversa dalle altre della sua specie ,perche'la pressione durante il tipo di metamorfismo che l'ha generata, e' stata causata in modo differente ed e' avvenuta durante la formazione dei monti Ouachita.
In realta',le Arkansas ,nate nel periodo Devoniano,ovvero lo stesso periodo in cui e' nato il fiume Mississippi,sono state generate nei tratti di roccia piu' resistenti all'erosione,facilmente riconoscibili dalle creste prominenti.
Il letto in cui per secoli hanno riposato, prima di essere portate alla luce dai lavori di scavo,e' costituito da una moltitudine di divisioni inferiori e superiori.
Secondo un'analisi stratigrafica del luogo ,il giacimento di pietre Arkansas si estende da 60 metri a nord dei monti Ouachita,fino a 900 metri a sud degli stessi.
La pietra Arkansas e' stata sempre usata per affilare strumenti da taglio di uso comune.
Nel 1800 i primi coloni giunsero nella contea di Hot Springnei pressi di Magnet Cove.L'estrazione di tale pietra e' stata intermittente dal 1885 al 1905,ma continua da allora.
Le pietre che si estraggono da Hot Spring sono di 2 tipi ,fondamentalmente.
1.Pietra Arkansas :e' il tipo piu' fine,si divide comunque in altri tre sottotipi:
a)Soft:Grana grossa, o meglio,la dimensione dei grani e' sempre fine,ma gli abrasivi seppur di poco piu' grandi del normale,sono meno legati alla matrice argillosa della pietra, e quindi piu' esposti e separati tra loro;ergo,la pietra abrade di piu'.
b)Medium:stesso ragionamento di cui sopra,la pietra abrade meno della precedente.
c)Hard:Grana fine,o meglio,la dimensione dei grani e' sempre fine,ma essi sono piu' coesi,piu' o meno fortemente,alla matrice argillosa che costituisce il legante della pietra,quindi essendo la superficie dei quarzi meno esposta,la pietra abrade meno.
La denominazione Hard e Soft fu usata pe la prima volta dalla Norton,industria di Abrasivi e Mole tra le prime al mondo,per indicare i lgrano di abrasivita' delle loro pietre sintetiche,a seconda del grado di compattezza del legante;metodo di classificazione che utilizzarono anche per le Arkansas,pietre naturali estratte dalla stessa industria .
La variante hard puo' anche essere traslucida,ovvero talmente compatta da sembrare vetro,posto che ,anche le altre tipologie di Arkansas mostrano intrusioni di altro genere che possono rendere la pietra variegata. La varieta'di Arkansas denominata traslucida fa riferimento al fatto che nella roccia vi sono intrusioni di miche e calcedonio,ma non influenzano il potenziale di affilatura della pietra.
Dai depositi invece con piu' presenza di sedimenti argillosi presenti in Inghilterra si possono ricavare pietre Arkansas che possiedono caratteristiche di FinalPolishing nei confronti degli strumenti che si vogliono affilare con essa.
Infatti l'argilla ha questa proprieta'.Geologicamente in gergo viene anche definita caolino e da essa si ricava l'ossido di cerio per la lavorazione finale di vetro e legni pregiati per mobilio di lusso.
Rocce come l'Arkansas e la Coticula belga hanno gli stessi anni (si sono formate intorno ai 400 milioni di anni fa)e hanno matrice metamorfica.

Un altro tipo di Arkansas,nera (Black Arkansas),appartiene ad una varieta' di quarzo denominata Morione.

2.Pietra Washita:
E' una varieta' di roccia simile a quella che si trova nel nostro Appennino Tosco Emiliano e che si estende sino ai Pirenei.Ha un legante molto labile (stessa durezza Mohs del talco)e gli abrasivi sono costituiti da un tipo di quarzo un po' piu' duro del normale.

Data la fragilita' comunque di queste rocce (addirittura i cristalli di quarzo piu' esposti dalla matrice di una pietra, si possono rompere durante i processi di affilatura),per scavare le miniere non si puo' usare la dinamite;le pietre,una volta estratte,vengono lappate con materiale sintetico al Carburo di Silicio.Tali pietre naturali vengono utilizzate anche nell'edilizia.
Come avevo gia' scritto in un altro thread,i grani nelle pietre possono variare di grandezza,precisamente 0.5 e 400 micron.
Inoltre nelle arkansas diciamo che i cristalli di quarzo non sono sempre gli stessi,non hanno la stessa forma come i microrubini di forma sempre piu' o meno dodecaedrica.
Possono avere la forma gia' espressa in precedenza,ovvero
prisma esagonale con ai vertici le facce di due romboedri disposte in modo tale da simulare una bipiramide esagonale;ma il quarzo puo' anche:

ad alta pressione trasformarsi in tridimite, un minerale con la stessa composizione ma con un reticolo atomico più compatto; a pressioni ulteriori la stessa tridimite si trasforma in cristobalite che rappresenta il termine estremo di compattazione della silice (è nota quasi esclusivamente in crateri generati da meteoriti).
Naturalmente queste fasi dell'Arkansas non sono utili ai nostri fini,ma la struttura per trasformarsi in questi modi impiega del tempo e nel frattempo puo' venire estratta,quando la estraiamo e' probabile che noi la troviamo in una fase di transizione che interrompiamo con le nostre azioni.
Nelle fasi intermedie c'e' stato comunque un cambiamento ,ma solo di forma del quarzo non sostanziale.Si dice che quindi si stava mettendo in atto una geminazione.
Ma perche' avvengono tutti questi cambiamenti descritti fin ora nelle rocce? La risposta e' nella teoria delle dislocazioni.
[b]Bibliografia:

Griswold, LS, 1892, Whetstones e la novaculites dell'Arkansas: Arkansas Geological Survey relazione annuale per il 1890, v. III, 443 p.
Holbrook, DF, e Stone CG, 1978, Arkansas Novaculite - Una risorsa di cui la silice, Johnson, KS e Russell, JA, ed., Tredicesimo Forum Annuale sulla geologia di minerali industriali: Oklahoma Geological Survey Circolare 79, p. 51-58.
Avaro, HD, e Purdue, AH, 1929, Geologia del DeQueen e Caddo Gap quadrangoli, Arkansas: US Geological Survey Bulletin 808, 195 p.
Steuart, CT, Holbrook, DF, e Stone, CG, 1984, Arkansas Novaculite: indiani, affilare, plastica, e oltre, in McFarland, JD, III, e Bush, WV, eds. Contributi alla geologia di Arkansas, v . II: Arkansas Commissione Geologica Pubblicazione Varie 18-B, p. 119-134.

Arkansas hard traslucent
Immagine

Black Hard Arkansas
Immagine

Arkansas
Immagine
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 26/04/2010, 13:57

Superamento prove dei materiali di cui sopra R.D. 16 novembre 1939,n.2232,prove chimiche ,fisiche e meccaniche (art.5),peso al volume (art.6),criteri per stabilire il peso specifico (art.7-8),coefficiente di imbizione e della resistenza all’azione disgregatrice dell’acqua,[..]art.14,resistenza alla meccanica della compressione,usura ,congelamento,rotolamento su pietrisco.
Questo stralcio di legge e’ su un libro di tecnica delle costruzioni scritto dall’ing.Ormea editore Hoepli,in cui il tecnico ,dopo aver postato delle foto di pietre arkansas,pietra serena e belga,affermava che andavano bene per costruire per i seguenti motivi di cui sopra.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 26/04/2010, 21:34

Il quarzo e' basico.Se tenete le pietre insieme in una bacinella colma di acqua,cercate di non tenere le pietre sintetiche con le naturali,e/o le basiche,con quelle i cui elementi potrebbero essere "acidi".
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda robertodiv » 23/05/2010, 19:36

quale e' la grana stimata di una arkansas traslucida o nera? Grazie
robertodiv
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 23/05/2010, 15:29

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 23/05/2010, 20:04

Una Arkansas nera potrebbe avere grana da 1500 a 12000 .Il fatto che sia nera vuol dire che è un tipo di pietra al quarzo chiamata Morione,non sta ad indicare la grana specifica.
Una traslucida,ovvero talmente compatta da sembrare quasi vetro,liscia al tocco,potrebbe avere grit tra 8k e 12k.
Sono pietre naturali,prendi con le pinze cio' che ti sto dicendo,se l'hai gia' provala, altrimenti chiedi al venditore.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda robertodiv » 23/05/2010, 20:28

il problema e' che in italia non le vendono le traslucide. L'unico modo e' comprarla su ebay, ma non potendola provare ci penso 2 volte prima di farmi spedire una pietra che non so come lavora, che non costa poco, e per giunta dall'altra parte del mondo. Pero se ha un grit di circa 8k - 12k sembra buona. Su internet mi aveva parso di capire che era molto meno (non superava i 2000). qualcuno l'ha provata? come lavora rispetto a una cinese (per dirne una) o a una belga? Grazie
robertodiv
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 23/05/2010, 15:29

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 23/05/2010, 20:38

Di traslucide ne esitono di vari grit,quelle che sembrano propio vetro tanto sono compatte e che servono per rifinire devono avere un grit approssimabile intorno agli 8k e/o 12k.
Per quanto riguarda le caratteristiche di una belga o cinese invece ti ho gia'risposto nell'altro thread.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda robertodiv » 24/05/2010, 19:20

stavo cercando una arkansas traslucida da comprare e provare, ed ho trovato un sito interessante secondo il quale questa - che e' la migliore delle arkansas- ha una grana poco superiore a 1200: http://www.danswhetstone.com/stone_grades_101.htm
faccio notare che la dan's lavora e vende proprio tutti i tipi di arkansas! fuguriamoci se hanno interesse a dire che e' finissima...eppure!
lo dimostra dicendo che le arkansas hanno la grana tra 3 e 5 micron.
mentre se uno gira su internet o anche su ebay, si trovano venditori che dicono che ha una grana anche di 8.000- 10.000...
c'e' qualcuno qui che l'ha provata e sa dirmi che effetto ha?
robertodiv
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 23/05/2010, 15:29

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda james » 24/05/2010, 20:32

Premesso che non so niente di Arkansas...
->Ne ho avuta una detta "traslucida" ed era durissima, lenta e certamente da finitura, e se dovessi paragonarla a una pietra sintetica la paragonerei ad una 12000 o più.
->Per le pietre naturali non ha molto senso parlare di grit rating. Questa grandezza esiste per gli abrasivi sintetici e rappresenta una misura della dimensione delle particelle abrasive. Già per quanto riguarda le pietre sintetiche è difficile districarsi nella giungla delle varie scale in vigore in varie parti del mondo e tra i vari produttori: non esiste un grit rating unificato ma molti diversi calcolati in maniera diversa secondo parametri diversi.
Cercare di adattarla poi alle pietre naturali, porta ad approssimazioni quantomeno fuorvianti. Anche ammesso che uno si sia messo lì al microscopio e abbia determinato che la dimensione delle particelle dell'abrasivo delle Arkansas va da 3 a 5 micron non significa nulla... da 3 a 5 è già un intervallo abbastanza ampio e poi potrebbe anche esseci una sola particella abrasiva in un km^3 di pietra...
Nota ciò che ha scritto Aldebaran nel post iniziale sulla maggiore o minore esposizione degli abrasivi.
Avatar utente
james
 
Messaggi: 247
Images: 42
Iscritto il: 01/04/2010, 19:39
Località: Parma

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Aldebaran » 24/05/2010, 21:11

Diversamente dall'Italia in altri paesi l'affilatura di un rasoio e' considerata una scienza.
So che puo' sembrare ridicolo,ma ad esempio a Liegi si compiono molti studi sull'acciaio in generale e quindi anche sull'affilatura dei rasoi e su quali pietre per affilarli e quale metallo usare per forgiarli per rendere la rasatura profonda e allo stesso tempo confortevole .
Si cercano quindi degli elementi oggettivi su cui basarsi,a prescindere dal fatto che un tipo di pelle puo' tollerare un tipo di materiale piuttosto che un'altro,e indipendenti dalle tecniche di esecuzione nel radersi che in questi test vengono considerate assodate.
Il professor Verhoeven alla Iowa State University studia i grit delle pietre e la malleabilita' dei metalli;ha scritto molti articoli inerenti a questi argomenti.
Ho letto qualcosa a riguardo,alcuni punti mi sembrano oscuri dei suoi esperimenti e molti calcoli abbastanza intricati.
Ho provato comunque a tradurre piu' che i suoi testi,il suo pensiero e questo e' quello che ho capito in materia di grit.
L'affilatura gioca un ruolo chiave nella rasatura come poc'anzi espresso.
Comincero' con un esempio in modo che induttivamente spieghero' cosa sono in realta' i grit o grani di una pietra..
Prendiamo in considerazione una pietra di grit presunto 1000 (1k);k sta per grani per migliaia.
Questo vuol dire che ci sono 1000 particelle per pollice quadrato. Un pollice,ricordiamolo,misura 2,54 cm.
Sia in una pietra artificiale che in una sintetica le particelle sono ben ordinate e coese tra di loro grazie alle leggi di fisica dello stato solido.
La radice quadrata di 1000 e'31.62.Arrotondiamo per eccesso (per semplicita') e prendiamo in considerazione 32.
Cio' significa che su un pollice sono distribuite 32x32 particelle.
Un pollice equivale anche (facendo una trasformazione) a 25400 micron (dato che parliamo di entita' molto piccole) che diviso per 32 fa 793,8 micron.Se ci fate caso,avendo tolto molti decimali (per semplicita') siamo vicini al 1000 micron come valore,infatti siamo quasi ad 800 micron e guarda caso ho preso l'esempio di una pietra da 1000 grit.Non si arriva ai 1000 micron precisi in quanto dobbiamo tener conto della "melassa"di fanghiglia propia del tipo di roccia o di quella posta artificialmente.
Per fare un esempio prendiamo in considerazione una diamantata che ha le particelle abrasive immerse nel nickel che le tiene unite e che quindi occupa un po' del loro spazio.
Queste particelle o grani hanno vari dimensioni se consideriamo una molitudine varia di pietre ovvero misurano tra 0.5 e 400 micron.
Ora prendiamo in esame una pietra di grana 2000 (scelta perche' e' il doppio di mille).Seguendo i calcoli di prima abbiamo che la radice quadrata di 2000 e' 44.72,un pollice e' 25400 micron quindi facciamo 25400 diviso 45 (arrotondato) che fa 564,4,ci allontaniamo sempre di piu' dalla grana effettiva!
Piu' la grana presunta raddoppia piu' il numero delle particelle diminuisce di un fattore di 1,4.
Questo per quanto concerne le sintetiche...Figuriamoci le naturali!
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4620
Images: 3605
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Zino Davidoff » 26/05/2010, 21:44

Ho acquistato proprio nell'ultima settimana un'Arkansas Translucent. E' piccola (immaginate un bastoncino Findus), dura come la testa di un lucano e relativamente lenta. L'ho testata su un coltello IKEA e ha spazzato via tonnellate di acciaio in tre secondi... tanto per dire la qualità svedese.

Nei prossimi giorni proverò a sostituire la belga con questo bastoncino. Ma non assicuro risultati eclatanti.
Quando tutto ciò che hai è una Coticule, ogni problema inizia ad assomigliare a uno Sheffield.
Avatar utente
Zino Davidoff
 
Messaggi: 17
Iscritto il: 06/04/2010, 12:21

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda ischiapp » 13/11/2014, 18:09

Nè può essere, dove è grande disposizione, grande difficultà - Niccolò Machiavelli (Il Principe, Cap.XXVI)
My files: Tools & SOTD & Music & Movie
Saluti da Ischia, Pierpaolo
Avatar utente
ischiapp
Miglior foto di Gennaio
Miglior foto di Gennaio
 
Messaggi: 12879
Images: 1877
Iscritto il: 18/05/2013, 11:53
Località: Forio d'Ischia (NA)

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda voxclamans indeserto » 18/05/2015, 2:40

che ne dite di questa? la vende Poggi a Roma..

http://www.poggi1825.it/prodotti.php?id ... odotto=920
tagliente come un "eccomi"
voxclamans indeserto
 
Messaggi: 169
Images: 19
Iscritto il: 26/03/2015, 14:08
Località: Isola del Liri

Re: Pietra Arkansas.

Messaggioda Bruconiglio » 18/05/2015, 7:24

Costa uno sproposito ed è piccola.

Ps non è la sezione giusta e poi sposto il messaggio.
Avatar utente
Bruconiglio
 
Messaggi: 1505
Images: 255
Iscritto il: 01/08/2012, 15:02
Località: Chieti

Torna a Notizie Storiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite