Come sigillare una pietra giapponese

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Come sigillare una pietra giapponese

Sostienici

Sponsor
 

Come sigillare una pietra giapponese

Messaggioda Gene » 29/10/2016, 18:58

Le pietre giapponesi oltre ad avere delle caratteristiche molto interessanti hanno talvolta dei grossi difetti , ovvero, la presenza di crepe e fessurazioni che possono compromettere la vita della pietra stessa.
Con questa guida parlerò su come sigillare il retro e i lati della pietra per poter evitare l'ingresso dell'acqua e così una possibile rottura .
Alle volte si trovano delle fessurazioni sulla superficie d'affilatura ( delle sottili linee bianche) che scorrono in maniera superficiale e che se continue ( es da lato a lato) possono staccare una porzione di pietra ( ne parlerò in maniera più precisa nel prossimo topic)

La pietra utilizzata come esempio : non avendo nuove pietre da sigillare ho preso questa Ohzuku già sigillata e utile per far capire come operare su forme non proprio regolari

Materiali d'impiego : resina vinilica ( vernidas ) e nastro

Un materiale idrorepellente e di facile reperibilità ( si trova nelle cartolerie) è il vernidas usato per proteggere le sculture in das .
Si trova in due forme , una da 33 ml ( con pennellino ) e una da 250 ml ( visibile entrambi in foto)
In alternativa si possono usare le bombolette spray di tipo vernice fissativa o lacca Urushi ; quest'ultima sarebbe "tradizionalmente corretta" ma molto più difficile da reperire con un costo molto più elevato (lo stesso Iwasaki nel testo da lui scritto consiglia l'uso della vernice vinilica) .

Il nastro serve per delimitare i contorni e per non " sbrodolare" , va molto bene quello per elettricisti ( si deforma e delimita meglio le zone "tondeggianti")

42990



Procedura :

Nastratura

Copro la pietra con il nastro facendolo "trasbordare" ( meno di 0,5 mm ) sui lati da sigillare .
Eseguo questo per tutti i lati cercando di realizzare una singola catena che al momento della rimozione del nastro , si staccherà in un unico blocco

42991
42992
42998
42999
42996
43000
43001
43002

Sigillatura ( in un unico momento)

Posso farla in un unico momento o frazionata ( tutto subito o prima i lati e poi il retro )

Applico il vernidas lato dopo lato FACENDO ATTENZIONE ALLA SOVRA-APPLICAZIONE : è molto liquido e si rischia di fare un lavoro anti estetico , facendo gocciolare la sostanza in eccesso.
Dal momento dell'applicazione si lascia passare circa 40-50 secondi ( anche 1 minuto) prima di rimuovere il nastro lungo i lati (dato che i lati sono coperti bisogna fare un pò di attenzione nel maneggiare la pietra )
Detto questo , si posa la pietra su di un piano rialzato e si termina col la copertura del retro stando attenti nel coprire ogni anfratto

43003
43004
43005
( facendo attenzione a non toccare i lati durante la stesura del prodotto)

Asciugatura : ATTENZIONE Il vernidas avendo una SOSTANZA TOSSICA( i solventi contenuti) bisogna applicarlo e lasciarlo ad asciugare in una ZONA AREATA

L'asciugatura dura circa 4 giorni e al termine la pietra avrà un riflesso lucido ed impedirà all'acqua di penetrare

43006 ( essendo idrorepellente , l'acqua si convoglia in gocce più grandi)
43007
Avatar utente
Gene
 
Messaggi: 208
Images: 216
Iscritto il: 13/07/2013, 12:24
Località: Udine

Re: Come sigillare una pietra giapponese

Messaggioda Mastrofoco » 30/10/2016, 1:07

Grazie di cuore Gene per questa spiegazione
Un abbraccio Luca
"Non sai che ci vuole scienza,ci vuol costanza ad invecchiare senza maturità"
Avatar utente
Mastrofoco
Miglior foto di Novembre
Miglior foto di Novembre
 
Messaggi: 839
Images: 150
Iscritto il: 06/10/2015, 17:03
Località: Robecco s/n (Mi)

Re: Come sigillare una pietra giapponese

Messaggioda james » 06/01/2017, 21:08

Interessante argomento e spiegazione esaustiva.
Va detto che la maggiorparte delle pietre di buona qualità non presentano, solitamente, fessurazioni tali da dover indurre preoccupazioni sul futuro a lungo termine della pietra, se si ha l'accortezza di lasciarle asciugare dopo l'uso. La lacca era soprattutto per le pietre usate dai carpentieri che venivano lasciate all'aperto o comunque in officine/laboratori magari non riscaldati, magari al gelo.

Io ne ho sigillate un paio usando il cianoacrilato (super attak). Molto brutto, ma molto rapido, visto che asciuga quasi immediatamente. Ok dopo averlo detto posso tornare a nascondermi :P
Avatar utente
james
 
Messaggi: 247
Images: 42
Iscritto il: 01/04/2010, 19:39
Località: Parma

Re: Come sigillare una pietra giapponese

Messaggioda kairen » 07/01/2017, 9:35

Ciao, un metodo efficace, abbastanza veloce ed economico, è utilizzando della gommalacca

Si trova facilmente in ferramenta/colorifici e si discioglie in alcool poi si spennella come descritto sopra

Se proprio siete paranoici, potete prendere la versione trasparente della gommalacca, i giapponesi infatti valutano la bontà di una pietra dalla pelle sotto la pietra stessa, e la versione normale ne altera il colore
Il bello è che il risultato finale è molto resistente e totalmente naturale

Ciao
Luca
kairen
 
Messaggi: 10
Iscritto il: 30/11/2016, 8:42

Re: Come sigillare una pietra giapponese

Messaggioda Gene » 07/01/2017, 22:14

Va detto che la maggiorparte delle pietre di buona qualità non presentano, solitamente, fessurazioni tali da dover indurre preoccupazioni sul futuro a lungo termine della pietra


Assolutamente vero , se è di ottima qualità non c'è alcun motivo di sigillarla .


utilizzando della gommalacca


E' giustissimo aggiungere anche questo metodo , l'importante è usare un procedimento che funzioni e duri nel tempo .
Avatar utente
Gene
 
Messaggi: 208
Images: 216
Iscritto il: 13/07/2013, 12:24
Località: Udine

Torna a Pietre Giapponesi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti