Restauro (o meno) di una pietra Belga

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Restauro (o meno) di una pietra Belga

Sostienici

Sponsor
 

Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda Pablito76 » 22/03/2017, 12:24

Ho recuperato questa pietra (a scatola chiusa…) per una manciata di euro (ho pagato più la spedizione che la pietra stessa) ed aperta la scatola così l’ho trovata. Dovrebbe essere una belga gialla incollata su una belga scura e viste le dimensioni (20,3 cm per 4,2 cm) vorrei cercare di cavarci fuori qualcosa che non sia un ferma carte…
Il lato scuro mi sembra sicuramente messo meglio del chiaro anche se c’è una sorta di esfogliazione della pietra (intenso una frattura parallela alla pietra).
Il lato chiaro… bè che dire è massacrato ed è pure imbarcato per il grosso consumo al centro.
Qualche consiglio?
Pensavo di cercare di riempire i buchi con della colla epossidica mischiata alla polvere che recupererò dalla lappatura (visto il lavoraccio da fare ne verrà fuori a quintalate).
Oppure... gli strati di pietra mi sembrano incollati con una sostanza scura (mi ricorda la pece…), secondo voi… se dopo avere portato la parte chiara in piano, la scollo (non saprei come però), la taglio (a mano con una sega del metallo) eliminando le zone con i crateri e la re-incollo con l’epossidica sulla stessa belga blu (si accorcerebbe ma tanto essendo lunga qualche cm lo posso perdere)?
Sto fantasticando o può essere fattibile?
48388483874838648385
Avatar utente
Pablito76
 
Messaggi: 58
Images: 63
Iscritto il: 12/12/2015, 8:40
Località: Busto Arsizio

Re: Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda ura » 22/03/2017, 12:36

Personalmente per prima cosa lapperei la parte gialla per portarla
in paino. A seguire riempimento di eventuali buchi che restano con
colla epossidica mischiata con la polvere ottenuta dalla lappatura.
Qui mi fermo senza effettuare tagli della pietra.
Avatar utente
ura
 
Messaggi: 940
Images: 18
Iscritto il: 29/05/2011, 22:01
Località: Pavia

Re: Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda Pablito76 » 22/03/2017, 12:49

Ok allora procedo con la carta vetrata. Essendo la prima pietra che sistemo, una curiosità... quanta polvere va aggiunta all'epossidica? Deve darle solo un po' di colore (quella che ho è totalmente trasparente) o devo metterne molta per fare una malta prima di applicarla?
Grazie ancora!!
Avatar utente
Pablito76
 
Messaggi: 58
Images: 63
Iscritto il: 12/12/2015, 8:40
Località: Busto Arsizio

Re: Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda ura » 22/03/2017, 12:53

Mi spiace non ho una grande esperienza in merito.
Ti direi una buona quantità di polvere piuttosto che stare scarico.
Avatar utente
ura
 
Messaggi: 940
Images: 18
Iscritto il: 29/05/2011, 22:01
Località: Pavia

Re: Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda Aalessandro » 22/03/2017, 13:00

Buongiorno
Tanta polvere finché la resina ne assorbe,
L'unica cosa importante è non lasciare grumi.
“Si vis pacem, para bellum”
Avatar utente
Aalessandro
 
Messaggi: 76
Images: 14
Iscritto il: 28/01/2014, 20:12
Località: Rapallo

Re: Restauro (o meno) di una pietra Belga

Messaggioda Pablito76 » 24/03/2017, 10:38

Fatto, lavoro finito (penso…).
Lappata (a secco) con carta vetrata per metallo grane 80, 120 e 600.
Fatto ciò la parte gialla l’ho rattoppata con la bicomponente mischiata alla polvere, la parte scura invece… preso cacciavite e staccata totalmente la parte che si stava sfogliando, l’ho poi sagomata leggermente con la carta vetrata e re-incollata al suo posto (mi è venuta sicuramente meglio del lato chiaro).
Ri-lappata (per togliere i crostoni di epossidica) con carta 80, 600 e 1200.
Affilando il solito focus sacrificale ho notato un paio di cose (passando il polpastrello a occhi chiusi non si percepisce nessun rattoppo): 1) nelle zone con le crepe orizzontali il filo non si blocca ma ho la sensazione di sentire una leggera variazione nella passata (eventualmente d’ora in poi con questa pietra lo affilo al contrario); 2) nella sona nella quale c’era il buco e che ho rattoppato totalmente con l’epossidica, passandoci il rasoio sento distintamente un rallentamento della lama nello scorrimento (sicuramente legato alla differenza di materiale (pietra/colla).
Testato poi il rasoio facendomi la barba. Diciamo che… il filo ha tenuto non si è rovinato anche se non l’ho trovato particolarmente confortevole (niente arrossamenti né problemi nel post rasatura, ma non il solito filo) probabilmente dovrò prendere feeling con la pietra.

4847548476
Avatar utente
Pablito76
 
Messaggi: 58
Images: 63
Iscritto il: 12/12/2015, 8:40
Località: Busto Arsizio

Torna a Manutenzione & Restauro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite