Prove Statiche

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Prove Statiche

Sostienici

Sponsor
 

Prove Statiche

Messaggioda Aldebaran » 30/07/2010, 9:44

Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4954
Images: 4217
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Prove Statiche

Messaggioda Aldebaran » 28/03/2015, 12:06

Qui e qui troverete informazioni concernenti la prova di durezza Rockwell e quindi su come si effettua.Posterò delle foto esplicative scattate dal Medusa Group durante alcuni test effettuati su dei rasoi a mano libera,compreso uno dei nostri.Di base,si sappia che la durezza "giusta" espressa in Rockwell per un rasoio in modo che si affili abbastanza facilmente e tenga il filo per circa 15-20 barbe è compresa tra i 59 HRC e 61 HRC.

Test durezza su rasoio a mano libera artigiano Saddi
Dettaglio dei test e foto

17248172491725017251

Dalle foto si evince come il penetratore abbia lasciato dei solchi molto profondi. Il codolo ha mostrato durezze intorno ai 15 HRC :!: :!: . Sono state effettuate misurazioni sulla lama in due punti alla distanza di circa 3 mm dal filo e,a causa dello spessore di pochi decimi in questi punti, abbiamo misurato la durezza in HRA (carico penetratore 60 Kg invece di 150 Kg del test HRC) i valori letti convertiti in HRC sono risultati di poco superiori ma comunque assurdamente bassi (circa 25 HRC :!: :!: ).
Una lama per mantenere decentemente un filo tagliente deve arrivare almeno a 55 HRC , anche un tagliacarte ha la lama di durezza superiore a questo rasoio .
Sinceramente siamo veramente perplessi , per avere HRC tanto bassi non basta sbagliare trattamento termico .... Occorre dimenticarsi di fare il trattamento termico;sembra sia fatto di acciaio (o ferro ??) allo stato ricotto .
Il "rasoio" adesso è un po' rovinato a causa delle impronte del penetratore. Ha danneggiato specialmente la zona della lama ... tanto non era utilizzabile neppure prima.

Test su Rasoio a mano libera artigiano Lezcha

Grazie a Franz Kleber,tecnico ed artigiano di grandi qualità,abbiamo il resconto.

Desidero iniziare questo post affermando che le analisi che seguono sono basate su rigorosi dati scientifici che vogliono costituire un modello/metodo, non fine a se stesso, per stabilire oggettivamente la funzionalità di un rasoio a mano libera.

Lo scopo di quanto scritto di seguito non è quello di denigrare un prodotto altrui ma ha come finalità di trovare , per quanto possibile , la verità e sopratutto di spronare tutti al miglioramento continuo attraverso proposte costruttive.

Le critiche sono sempre difficili da accettare , parlo per esperienza diretta , bisogna maturare continuamente esperienza ed imparare dai propri errori , solamente in questo modo la qualità finale del prodotto ne avrà giovamento.

OSSERVAZIONE VISIVA: la lama è circa ¼ di hollow e le finiture non sembrano affatto male , le superfici mostrano un buon livello di lucidatura , i pins sono ribaditi bene , la lama è simmetrica , è ben centrata e si apre con il giusto sforzo.

Anche il manico in acrilico colore bianco presenta una buona fattura , le superfici sono ben lucidate e lo spaziatore sempre in acrilico rosso, è ben proporzionato .

Il rasoio sembra complessivamente ben bilanciato e l'unico appunto che mi sento di fare fino ad ora è la sagoma della lama con uno smile veramente estremo.

Passiamo ora all'esame vero e proprio , il servizio qualità di una famosa azienda meccanica mi mette gentilmente a disposizione la loro sala metrologica con sofisticate attrezzature di misura.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

OSSERVAZIONE MICROSCOPICA: Ho provveduto ad analizzare il rasoio in questione esaminando e fotografandolo a CIRCA 100 X, sul filo del tagliente.
I risultati sono visibili nella seguente serie di immagini seguenti che vanno in progressione, dal tallone della lama e vanno verso la punta.


Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Come si può notare il tagliente non si presenta affatto bene ha una serie di difetti, e mostra con un chiaro e progressivo peggioramento andando dal tallone verso la punta.
Il principale difetto è rappresentato da estese microfratture .Un tagliente siffatto tende a tirare il pelo e non garantendo può garantire una rasatura confortevole.

In base all’esame microscopico, possiamo formulare due ipotesi che possono giustificare l'aspetto di questo tagliente in base anche alla tipologia ed al numero di microfratture presenti :

IPOTESI N° 1 Durezza del tagliente elevatissima e grano austenitico ingrossato.
Provocano una estrema fragilità del tagliente.


IPOTESI N° 2 Durezza del tagliente insufficiente.
Si spiegherebbero le numerose e profonde tacche.

PROVE DI DUREZZA. (sec. scala Rockwell). A questo punto ho provveduto al controllo della durezza su alcuni punti della lama. Nella figura seguente si può vedere lo schema usato con le relative durezze rilevate approssimate per eccesso (verso il valore massimo rilevato).

Immagine


Le misurazioni mostrano una durezza a valori veramente estremamente bassi (37HRC!!!).
Errori di lettura macroscopici, dovuti alla conicità della lama (circa 10 ° totali), sono da escludersi per il tipo di apparecchio usato e per le ripetute misure.

Ecco di seguito delle immagini che testimoniano alcune delle misurazioni eseguite.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

La causa principale dei problemi risiedono principalmente nella bassa durezza.

E' difficile da stabilire quali cause hanno provocato questo risultato , non ho potuto eseguire analisi sulla composizione dell'acciaio , posso solamente azzardarne qualcuna :


1) Una temperatura di austenitizzazione troppo bassa.

2) Un acciaio con una bassa percentuale di carbonio (e non legato).

3) Un liquido di spegnimento troppo lento.

4) Una temperatura di rinvenimento troppo elevata.

5) Un tempo troppo elevato nel passaggio dal forno al bagno di spegnimento.

La causa al punto 5 è molto probabile , in caso di bassi spessori il filo di una lama semilavorata appena estratta dal forno perde temperatura molto più velocemente della costa del rasoio che ha uno spessore più elevato e quindi una inerzia termica maggiore.

Se si lavora con acciai non legati questo problema è molto più frequente di quanto si pensi , se poi si usa un liquido di spegnimento lento la cosa si complica ulteriormente.

CONSIDERAZIONI AGGIUNTIVE. Quanto sopra analizzato si è concentrato esclusivamente sul trattamento termico e sulla composizione del materiale ma l'analisi non si può considerare completa senza prendere in esame anche le geometrie della lama.

Le sue forme si ispirano ad una tipologia che mi è capitato di vedere solamente su rari rasoi giapponesi , come già detto precedentemente spicca la sua particolare forma curvilinea , a mio parere lo smile accentuato estremizza il concetto di rasatura per falciatura aumentando la pressione specifica sulla pelle rischiando di causare difficoltà nel maneggio o nella fase di affilatura.

Il rasoio è anche un oggetto d'arte , deve piacere al suo acquirente quindi non discuto i gusti personali , però desidero soffermarmi su di un particolare rapporto che rimane basilare nella forma e funzione di una lama , : mi riferisco all'angolo di affilatura , quel "triangolo" formato dallo spessore della costa e dalla larghezza lama.

Questi rilievi sono stati eseguiti con un calibro centesimale ed i valori rilevati sono visibili nella foto seguente , ed il disegno ci permette di calcolare un angolo di affilatura teorico di circa 10 °.

Immagine
Immagine
Immagine

Per garantire un buon bilanciamento tra affilatura elevata e tenuta nel tempo andrebbero rispettati i valori universalmente adottati che si aggirano tra i 16° ed i 18° .

Esistono anche alcuni casi particolari , che ho personalmente verificato su rasoi custom, con angoli di affilatura bassi fino a 13° ed alti fino a 20° , ma sono veramente valori limite da non superare mai.

Lo spessore di 3.5 mm non solo influisce negativamente sull'aspetto affilatura , ma pensando alla durezza HRC rilevata mi fa supporre che le difficoltà di trattamento termico possano aver avuto a che fare con il punto N°5 discusso sopra.

CONCLUSIONI FINALI. A questo punto bisogna trarre le conclusioni finali, purtroppo negative.Sebbene le finiture e l’aspetto generale di questo rasoio siano buoni, mi sento di affermare con una certa sicurezza che la lama ha un valore di durezza insufficiente e, anche se avesse subito un corretto trattamento termico, il problema di microchipping sarebbe comunque emerso lo stesso per l’errata geometria dell’angolo di bevel (che è troppo stretto con i suoi 10° di apertura).
Mi ero riproposto , nel caso la durezza dell'acciaio si fosse rivelata giusta , di modificare la lama aggiungendo uno spessore metallico (frameback) sulla costa come si usava fare molti anni fa , in piena epoca d'oro del rasoio a mano libera.

Così facendo avrei realizzato uno spessore di costa intorno ai 5.5 - 6 mm riportando l'angolo di affilatura su valori più vicini alla normalità (16°-18°). Purtroppo, questa soluzione, non risolverebbe il problema della durezza , e non ritengo possibile rieseguire un trattamento termico per tentare di recuperarlo.

Test di Durezza Rasoi Medusa in CPMS35VN

Foto Test di Durezza sui Rasoi Medusa/Fantoni* in CPMS35VN

Test effettuati su uno dei nostri semilavorati e su uno dei nostri "finiti" in CPMS35VN.La durezza HRC sulla zona dei taglienti è risultata variabile tra 59 e 60 , mentre nelle zone del codoli si abbassa a circa 55 / 56.
C.V.D.:** Durezza Ottimale per un rasoio.

234482344723446234452344423443

**Come volevasi dimostrare
*by Medusa,Fantoni,Emidio,Stefano Raffa
Ultima modifica di Aldebaran il 06/10/2015, 21:37, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4954
Images: 4217
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Prove Statiche

Messaggioda Luca142857 » 28/03/2015, 14:04

Articolo molto interessante, non solo per la valutazione deI modellI oggetto della prova, ma anche per ribadire agli esordienti ( come il sottoscritto) quali sono i principali criteri di giudizio per la scelta di un rasoio a ML.
“La rasatura è una severa maestra.” Heinlein142857.
Avatar utente
Luca142857
 
Messaggi: 4560
Images: 1254
Iscritto il: 10/05/2013, 15:14
Località: Nordest Emilia.

Re: Prove Statiche

Messaggioda Aldebaran » 19/05/2016, 0:00

Test di Durezza su Rasoio Medusa in Acciaio Sperimentale

Buonasera a Tutti,

in questa sede pubblicherò delle foto di test di durezza effettuati su un rasoio che stiamo costruendo noi del Medusa con delle considerazioni. Non rivelerò, almeno al momento, la chimica dell'acciaio. E' un acciaio creato e certificato su nostre specifiche, quindi mai utilizzato da nessuno. E' da colata, non da polveri, con una chimica simile ad un altro inossidabile martensitico da coltelleria i cui principali (in percentuale) elementi in lega ( C, N, Cr, Mo ) hanno permesso di ottenere, in seguito ad adeguati trattamenti termici di base (senza sottoraffreddamenti o criogenia che di solito adottiamo) caratteristiche simili agli acciai da polveri di terza generazione per il cui uso siamo stati dei pionieri.
Gli effetti che induce nell'acciaio ciò che è stato aggiunto in lega sono noti. Ignoti erano gli effetti sulla Durezza Media Finale.

3769437693376923769137690

Questo acciaio ha meno carbonio del CPMS35VN, ma la durezza finale della lama è comunque, di media, tra i 59 e 60 HRC (ottimale,dunque). La durezza sul codolo del CPMS35VN era di 55/56 HRC. Su questa lama, la durezza finale sul codolo è di...59,5 HRC!!. Potete leggere meglio in dettaglio quanto ho affermato cliccando su questo link, se interessati, grazie!

Nonostante l'alta percentuale di cromo siamo riusciti ad ottenere un full- hollow e delle ottime finiture. Ciò che abbiamo aggiunto alla chimica di questo acciaio infatti doveva effettivamente migliorarne l'inossidabilità e la lavorabilità. Questo acciaio è anche frutto delle mie ricerche nel campo della metallurgia applicata agli Impianti Nucleari. Rispetta le norme della "Food & Drug Administration", quindi non crea problemi alla salute. Ciò che è stato aggiunto ha un costo irrisorio, viene utilizzato anche in altre tecnologie oltre che metallurgiche, diminuisce i tempi di lavorazione e l'usura degli strumenti di lavorazione. I trattamenti termici per gli acciai creati con questa "aggiunta" non cambiano. Da conoscitori del mondo giapponese, dato che facciamo anche rasoi giapponesi, io e Franco da un po' di tempo eravamo giunti ad una conclusione. Nelle arti marziali, colui che riesce a inventare tecniche nuove di combattimento basandosi su particolarità fisiche solo sue non può essere considerato un Vero Maestro, perché aiutato da Madre Natura e non ha un vero e proprio merito. Vero Maestro è colui che insegna, ed insegna cose nuove,scoperte da Lui, riproducibili da tutti in seguito ad impegno e costanza. Come appartenenti al Direttivo dell'Associazione, (del Forum e dell'A.I.M.), il nostro impegno morale è riunire enti e persone in modo da agevolare fra essi scambi culturali e di promuovere il diffondersi delle conoscenze sulla fabbricazione ed impiego dei materiali metallici ed altri materiali per l’ingegneria. Per far questo, non utilizzeremo più solo acciai "complessi" e duri da lavorare, per fare rasoi; acciai che fino ad ora solo il nostro gruppo è riuscito a lavorare, ma adopereremo anche acciai più semplici da lavorare, e cercheremo di metterli in produzione, in modo che tuti siano capaci di molarli, per farci taglienti e far avere al cliente uno strumento ottimo in termini di resistenza e finiture a costi contenuti. Qualcosa di utile deve essere riproducibile come un fenomeno in laboratorio affinché possa servire alle persone; essere alla portata di tutti e non circoscritto da e per un èlite.

Grazie per la cortese attenzione,buon proseguimento,
Aldebaran&Co.

p.s. quando sarà venduto il rasoio, fornirò una busta con dentro tutti i dettagli concernenti lo strumento.
Avatar utente
Aldebaran
 
Messaggi: 4954
Images: 4217
Iscritto il: 31/03/2010, 19:26
Località: Milano - Chieti

Re: Prove Statiche

Messaggioda Barba64 » 19/05/2016, 9:17

Complimenti per vostro lavoro e per i risultati raggiunti.
Che dire......siete riusciti a produrre l'Adamantio...Mitici :D
Se non sapevate come chiamarlo, ora avete il nome ;)
Continuate così
Il mio cassetto ML
Il mio cassetto DE
"Non sempre ciò che vien dopo è progresso." (Alessandro Manzoni)
Avatar utente
Barba64
Miglior foto di Febbraio
Miglior foto di Febbraio
 
Messaggi: 732
Images: 456
Iscritto il: 13/11/2014, 14:56
Località: Cesate (MI)

Re: Prove Statiche

Messaggioda Trepassate » 19/05/2016, 13:02

Congratulazioni :D
Sono felice che abbiate realizzato un manufatto con caratteristiche che superano le più rosee aspettative.
Pasquale

"Non c'è mai una seconda occasione per fare una buona prima impressione" (cit. O. Wilde)
Avatar utente
Trepassate
 
Messaggi: 1564
Images: 246
Iscritto il: 11/02/2014, 19:23
Località: Milano

Re: Prove Statiche

Messaggioda paciccio » 19/05/2016, 15:24

complimenti per l'impegno e la passione che mettete in ogni vostro lavoro
oltre alla vostra competenza unica ed ineguagliabile!
«Con un gentiluomo sono sempre più di un gentiluomo; con un mascalzone, cerco di essere più di un mascalzone.» Paciccio & Otto von Bismarck
«senza luce la foto non esiste!!!» csd949
My SOTD on Instagram
Avatar utente
paciccio
 
Messaggi: 5154
Images: 1549
Iscritto il: 31/03/2010, 22:52
Località: Provincia N.W. Milano - Magonza

Re: Prove Statiche

Messaggioda Francescone986 » 28/06/2016, 22:00

Comlimenti davvero per la tenacia e la passione con cui conducete le vostre. Prove senza lasciare nulla al caso.
Trovare artigiani così a mio avviso è davvero cosa rara.
"Vieni ragazzo, tutti si devono fare la barba."
Avatar utente
Francescone986
 
Messaggi: 138
Images: 106
Iscritto il: 29/01/2016, 17:35
Località: Roma

Torna a Strumenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite