Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Moderatore: Moderatore Area Tecnica

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Sostienici

Sponsor
 

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Michele Baldini » 27/02/2016, 0:12

Ciao a tutti :D
Proprio parlando di variabili volevo discutere con voi riguardo ad una particolare "condizione di rasatura" che mi è capitata ieri e che mi sta facendo molto riflettere sulla questione "aggressività" (o efficacia che dir si voglia) dei nostri amati strumenti di rasatura. E' solo da qualche mese che mi sono deciso a dedicarmi con costanza alla wet shaving e come tale ho fatto alcune scelte direi quasi classiche riguardo alle attrezzature. Come scritto nella mia presentazione ho a disposizione un vecchio Gillette Tech del nonno che però ho deciso per il momento (solo per quando saprò meritarmelo :lol: ) di riporre a favore di un (più amichevole) Edwin Jagger 3D Black Diamond. La testa 89 mi risulta decisamente gradita e mi sta davvero molto aiutando in questi miei primi mesi di "nuove abitudini" di rasatura (arrivo come molti da bomboletta e multilama). Quello che però per ora devo sempre evitare è il contropelo perché in quel caso la situazione si complica, come anche voi mi confermate per i principianti, giusto? ( a prescindere dalle lamette usate) :(
Ieri decido di riprendere in mano lo shavette che acquistai diversi mesi fa sperando in un miglioramento della tecnica in questi mesi. Il miglioramento in effetti c'è stato e mi ha fatto portare a termine senza neppure un taglietto la prima passata ma non me la sono sentita di proseguire oltre per non rovinare il lavoro fatto. A questo punto, non potendomi comunque bastare un'unica passata, ho deciso di finire il lavoro con l'89 di cui sopra (dimenticavo...astra verde sullo shavette e rapira sul DE). Toccava al passaggio incrociato, ma non trovando più gran che da radere ho deciso di provare direttamente il contropelo, sempre pronto a fermarmi se le cose non funzionavano.
Magia! (o non saprei che altro!) e l'Edwin scorre in contropelo con fantastica leggerezza e ottima sensazione sulla pelle!!! Neanche un'irritazione e BBS per la mia prima volta :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Vorrei cercare di capire il perché di questa gradita "casualità" e nella mia inesperienza sarei portato a pensare che sia proprio una questione di dover variare l'aggressività del rasoio. Quando uso solo l'89 ed arrivo al momento del contropelo ho probabilmente ancora parecchio pelo da dover portare via con l'ultima passata mentre il lavoro svolto dallo shavette mi ha certamente consentito di presentarmi al contropelo con pochissimo materiale da levare e pelo rasato davvero molto corto. La consuetudine vorrebbe che si partisse sempre con rasoi abbastanza chiusi / poco aggressivi (giustamente proprio per non fare danni) ma secondo voi è possibile che a questo punto sia arrivato per me il momento di pensare a qualcosa tipo slant o open? Eventualmente che dite del regolabile più aperto per le prime passate e più chiuso sul contropelo?
A voi è mai capitata questa situazione? Magari è strano decidere di cambiare strumento in questo modo durante la rasatura...non saprei, a me è capitato quasi per caso e volevo sapere voi cosa ne pensate.
Perdonate il mio lungo intervento e spero di non essere in OT (d'altronde le componenti da considerare sono davvero tante), volevo farvi capire al meglio la situazione e il mio possibile ragionamento su quanto direttamente sperimentato.
Colgo l'occasione per ringraziare tutti gli utenti, nessuno escluso per quanto sono riuscito ad imparare su questo forum in questi pochi mesi da quando vi leggo. E' come per un giovane a cui spiegano come affrontare il rito quotidiano nel migliore dei modi! (mi do indegnamente dell'adolescente... :lol: ). Mi sto impegnando per quanto possibile nel wet shaving perché trovo che sia davvero qualcosa che va al di là della semplice azione tonsoria...magari un piacere che abbiamo tutti diritto a concederci...uno stile di vita per i più appassionati tra noi! ;)
"A chi vive il nostro Mondo, granello di sabbia in una spiaggia unica nell'infinito"
(M. Baldini, 2015 Grafill ed.)
Avatar utente
Michele Baldini
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/01/2016, 22:07
Località: Lunigiana

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Antonio Bove » 27/02/2016, 9:16

uno shavette è decisamente più efficace del EJ DE8x, quindi è probabile che, già con la prima passata, tu sia riuscito ad asportare più peli.
di conseguenza, al passaggio in contropelo, l'EJ ha trovato ben poco da radere.
mi viene da pensare che, se hai problemi nell'utilizzare esclusivamente il DE, ancora non ti sia ben chiaro il tuo face-mapping.
Utilizzo, tra gli altri, anche il Muhle R89 (identico al tuo EJ) e, dopo le canoniche tre passate (WTG-XTG-ATG), il BBS è garantito, ma non così duraturo come quello ottenuto con rasoi ben più efficaci.
Tieni anche conto che la Rapira sul DE è una gran bella lametta: dovresti utilizzare la stessa lametta sia sul DE che sullo shavette per poter correttamente paragonare i risultati ottenuti.
in merito alla quesione "rasoi chiusi/poco aggressivi", ti invito a leggere questo 3d, sperando che non ti si confondano ancora di più le idee.
divertiti!
Antonio Bove
 
Messaggi: 1260
Images: 153
Iscritto il: 22/07/2014, 14:04
Località: siracusa

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Michele Baldini » 27/02/2016, 16:01

Grazie Antonio :D
Ho ancora molto da studiare, garantito :lol:
Come giustamente ricordi, i confronti sono da farsi a parità di "condizioni al contorno" e infatti mi sto dedicando alla sperimentazione in questo senso. Il divertimento è assicurato...e per fortuna!
Il mio face mapping dice...tutto bene sul viso ma un gran casino nel sottomento e parte destra del collo. Credo che siano pochi i fortunati senza ritrose o "variazioni laterali" dei peli, vero?
Tu mi consiglieresti di continuare a sperimentare con il pettine chiuso o di provare ad avanzare e fare la conoscenza di altre tipologie di DE? Considera che dopo poco più di due mesi di rasatura classica inizierei a poter dire di sentire che la pelle si è un pochino inspessita ed abituata al nuovo metodo, forse anche grazie alla perseveranza che ho avuto nell'uso quotidiano dell'allume (il mio segnalatore personale di una buona o cattiva tecnica di rasatura usata :shock: ).
Mi farebbe piacere un tuo personalissimo parere riguardo alla scelta di altre tipologie di DE (e quindi variazione totale del tipo di pettine) o piuttosto se passare per un regolabile (che io vedo sostanzialmente come un pettine chiuso in cui è possibile variare l'aggressività). Grazie mille per l'aiuto ;)
"A chi vive il nostro Mondo, granello di sabbia in una spiaggia unica nell'infinito"
(M. Baldini, 2015 Grafill ed.)
Avatar utente
Michele Baldini
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/01/2016, 22:07
Località: Lunigiana

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda ischiapp » 27/02/2016, 17:54

Piú che uno strumento diverso, meglio concentrarsi sulla tecnica: trazione della pelle ed angolo incidente.
I DE8x sono perfetti nell'uso quotidiano, come i Tech.
Nè può essere, dove è grande disposizione, grande difficultà - Niccolò Machiavelli (Il Principe, Cap.XXVI)
My files: Tools & SOTD & Music & Movie
Saluti da Ischia, Pierpaolo
Avatar utente
ischiapp
 
Messaggi: 12746
Images: 1832
Iscritto il: 18/05/2013, 11:53
Località: Forio d'Ischia (NA)

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Michele Baldini » 27/02/2016, 18:22

Grazie della risposta ischiapp :D
La trazione della pelle la applico già da molti anni, ma in maniera "intuitiva" quindi magari sarà il caso di dedicargli più attenzione. :oops:
L'angolo di rasatura è in effetti un argomento sul quale mi sto iniziando a dedicare da poco. 8-)
Dato che mi confermate la qualità delle attrezzature sino ad ora in mio possesso scelgo di ignorare la nota malattia del tonsore (altresì detta "acquisto compulsivo" :roll: ) e di dedicarmi ancora per un pò principalmente alla tecnica.
Vi tengo aggiornati
Grazie amici e buone rasature! :mrgreen:
"A chi vive il nostro Mondo, granello di sabbia in una spiaggia unica nell'infinito"
(M. Baldini, 2015 Grafill ed.)
Avatar utente
Michele Baldini
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/01/2016, 22:07
Località: Lunigiana

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Raffaelege » 28/02/2016, 11:14

Ciao Michele
Io ho iniziato con lo shavette e poi sono passato ai De
Subito r41 15c e fatip
Poi 39 slant merkur progress fatip gentile
Come tutti ho voluto provare subito il super aggressivo,ma,alla fine,come da qualche parte ha scritto Mino,vince il confort di rasatura
Il progress lo usavo a 1 pelo 2,5 contropelo
Poi ho iniziato "seriamente" coi ml e non uso altro
Secondo il mio modesto parere la pericolosità di un rasoi è proporzionale a quanto si PENSI di essere capaci
Appena penso: "ora si che ho capito" ZAC
Se vuoi provare qualcosa di aggressivo col fatip poca spesa tanta resa
Lo shavette non mi ha mai entusiasmato,sicuramente perchè non lo so domare
Raffaelege
 
Messaggi: 334
Images: 2
Iscritto il: 26/08/2015, 10:00
Località: Genova

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Antonio Bove » 28/02/2016, 11:37

Michele Baldini ha scritto:Tu mi consiglieresti di continuare a sperimentare con il pettine chiuso o di provare ad avanzare e fare la conoscenza di altre tipologie di DE?

la prima che hai detto.
ricorda che la tecnica è TUTTO, rappresenta il 90/95% della buona riuscita della rasatura.
la tecnica non riguarda solo l'uso del rasoio (di qualsivoglia tipologia si parli): la tecnica riguarda l'uso dell'eventuale prebarba da utilizzare; la corretta tecnica per montare adeguatamente una schiuma protettiva; l'approfondita conoscenza del proprio face-mapping ed il conseguente tiraggio della pelle; la scelta della migliore lametta per la propria pelle; un uso corretto del DE/shavette/ML e via dicendo.
io sono il primo a consigliare di procedere per gradi, senza iniziare compulsivamente ad acquistare saponi/creme/rasoi/pennelli/lamette: esattamente quello che NON ho fatto io, ritrovandomi a dover gestire TROPPE VARIABILI.
il rasoio che hai va BENISSIMO: impara ad usarlo come si deve e ci risentiamo tra qualche tempo, quando inizieremo a parlare degli step successivi

Michele Baldini ha scritto:Mi farebbe piacere un tuo personalissimo parere riguardo alla scelta di altre tipologie di DE (e quindi variazione totale del tipo di pettine) o piuttosto se passare per un regolabile (che io vedo sostanzialmente come un pettine chiuso in cui è possibile variare l'aggressività).

IMHO e sottolineo IMHO, la sequenza che ti consiglierò di seguire (a tempo debito) potrebbe essere: CC-slant-regolabile-OC.
ma stiamo già prevaricando i tempi.
divertiti!!!
Antonio Bove
 
Messaggi: 1260
Images: 153
Iscritto il: 22/07/2014, 14:04
Località: siracusa

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Michele Baldini » 28/02/2016, 21:15

Ciao e grazie infinite a tutti per l'aiuto così solerte :D
Ho già iniziato a seguire i consigli dati e oggi, visto che è domenica e si ha più tempo, mi sono dedicato un po' a me stesso!!!
Dal pre sino al post che vi descrivo a breve. Vi anticipo che i risultati ci sono stati e sono abbastanza soddisfatto ;)
Pre della proraso verde passata con omegone per iniziare a far alzare bene il pelo e lasciata agire qualche minuto, a seguire panno caldo. Intanto faccio un veloce premontaggio in ciotola di D.R. Harris Windsor (sapone duro che avevo fatto leggermente ammorbidire con velo di acqua calda) usando il mio fido semogue che mi risulta più morbido dell'omega quando siamo alla seconda e terza passata :roll: . Come rasoio il buon Edwin in mio possesso e lametta Rapira (che sto apprezzando molto!). Mi prendo il tempo giusto per seguire le direzioni dei peli e tirare la pelle di conseguenza. Consuete tre passate come da manuale standard. Il contropelo è riuscito bene e con pochi impuntamenti, grazie anche al mantra che mi ripetevo sul non calcare e il tenere un angolo appropriato per non rastrellare il viso. Ragazzi che fatica per un novellino come me...ma questa è anche colpa di tutto quello che ho disimparato in questi anni a causa degli "snodabilissimi" multilama, eh!? :evil:
Finita la sbarbata passo l'allume come mia abitudine e mi lavo bene con acqua quasi ghiacciata. Dopobarba Nivea Men skin energy perché vista la rasatura a fondo fatta oggi non me la sono sentita di usare il mio amato floid (fifone! :oops: )
Quando ho terminato avevo solo un microtaglietto sul pomo d'adamo (e vabbè dai, ci può stare :lol: ) e una leggera irritazione sul collo in prossimità di una mega ritrosa che mi porta i peli a crescere addirittura al contrario...comunque tempo un'oretta ed era passato tutto.
Ho cercato di usare l'angolazione del rasoio in modo che fosse un po' più aggressivo nella prima passata e questo mi ha consentito di levare più pelo, un pochino in analogia a quel che mi spiegate per il ML. Prossima volta magari uso una crema bella protettiva (tipo la T&H n.10) anzi che il sapone che, per ottimo che sia, è leggermente più irritante (purtroppo la sniffata del Windsor oggi mi ha catturato... :roll: ).
Non ho fatto miliardi di acquisti, vi rassicuro, ma dopo aver fatto conoscenza con le nostre italiche linee di prodotti della proraso volevo "assaggiare" anche qualcosa dei tanto decantati guru britannici (e che ottimi prodotti!!!). Lo shavette era stato un acquisto di mesi fa sull'onda dell'emozione...non è che lo sappia usare più di tanto ma con il tempo si vedrà (piacerebbe anche a me approdare al ML!). L'importante è una bella rasatura con tecnica e tanto divertimento come dice giustamente Antonio. Allora mi faccio risentire più avanti, magari con un PM o in un altra sezione, non vorrei andare in OT, ditemi voi (non sono un grande esperto di forum... :roll: ).
Grazie ancora a tutti degli EFFICACI consigli!!! :D
"A chi vive il nostro Mondo, granello di sabbia in una spiaggia unica nell'infinito"
(M. Baldini, 2015 Grafill ed.)
Avatar utente
Michele Baldini
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 25/01/2016, 22:07
Località: Lunigiana

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda maxpera » 03/03/2016, 18:11

Buon giorno a tutti.
Ho una domanda ma occorre un minimo di premessa.
Ho cominciato ad usare qualche anno fa i saponi da barba sia in tubo che in ciotola e stick. Ma ho continuato ad usare fino a questo Natale il bilama Bic verde.
Notevoli i miglioramenti rispetto alla schiuma ovviamente, attualmente uso un Vulfix super 2233 ed un classico Omegone 48 . A natale mi sono regalato un Merkur 20 C con varie lamette tipo Personna Rapira Asta verdi Feather 7 O'clock gialle Bolzano Superinox Gillette Platinum. Primi passi ok con qualche microtaglietto poi , con la mano, sparito. Son poi passato a fare esperimenti con Super lathering ed anche uber con un po' di proraso verde , glicerolo e TOBS ma anche altre esotiche miscele con buoni risultati direi. Il mio problema è che mi occorrono troppe passate per ottenere un buon BBS con conseguenti irritazioni nei punti critici.
Ho provato ad aumentare efficacia del rasoio spessorando con due lamette tagliate ed ora ottengo migliori risultati ma ancora non sufficienti con le classiche due passate piu un ritocco, ovviamente con molta meno irritazione rispetto a prima. Durante i miei frequenti viaggi di lavoro uso sapone stick , Arlington del Dr Harris, con omega in tasso da viaggio e ad onor del vero i risultati che ottengo sono persino superiori a quelli di casa comunque ottenuti ( pennello Vulfix 2233 super badger con saponi vari come Truefitt and Hill crema , TOBS sandalo e cedro , proraso bianca figaro nera palmolive tubo ...) e questo mi fa pensare. Poi nell' ultimo viaggio complice il bagaglio a mano ho dovuto usare il vecchio bilama bic sensitive verde : BBS in due passate con Arlington e preparazione ad acqua calda piu' dopobarba e nessuna irritazione. . Sono basito ma da qualche parte sbaglio qualcosa..
Ora, una certezza è il Dr Harris stick che mi fa ottenere i migliori risultati con qualunque rasoio ( ho subito ordinato due refill per ciotola Arlington e Malborough..)
e pensavo di passare ora ad un Merkur 15 c OC intuendo che ho bisogno di qualcosa di piu aggressivo : sono sulla strada giusta ?
Nell'attesa che qualche anima pia mi dia qualche consiglio devo ringraziare tutti voi poichè tramite IL RASOIO ed i consigli dei suoi attivi membri ho potuto farmi una cultura sul Wet Shaving ed ottenere buoni risultati quasi da subito evitando le trappole sul percorso. In compenso ho anche alimentato una scimmia che mi ha portato ad avere in rotazione saponi per le prossime 14.600 rasature ....
Un caro saluto
maxpera
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 05/02/2016, 1:24

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda Trepassate » 03/03/2016, 18:47

Anch'io mi sono dovuto arrendere all'evidenza.
Dopo avere preso la mano con i DE, avere il BBS con i mono/multilama di plastica è un gioco da ragazzi.
Quello che si è imparato dai DE (mano leggera) viene esaltato dall'efficacia del Fusion (nel mio caso) nel passare sulla pelle asportando il giusto senza irritare e ad avere come effetto finale la faccia di gomma.
Pasquale

"Chi non ama le donne il vino e il canto è solo un matto non un santo" (cit. A. Schopenhauer)
Avatar utente
Trepassate
 
Messaggi: 1314
Images: 223
Iscritto il: 11/02/2014, 19:23
Località: Milano

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda ares56 » 03/03/2016, 20:20

maxpera ha scritto:...
e pensavo di passare ora ad un Merkur 15 c OC intuendo che ho bisogno di qualcosa di piu aggressivo : sono sulla strada giusta ?

La strada è quella giusta ma considera che il Merkur 15C è sì un open-comb ma decisamente delicato, non sono tanto sicuro che farebbe la differenza rispetto al 20C "spessorato".
Alternative? Il più aggressivo Muhle R41; l'aggressivo ma addolcito nell'ultima produzione Fatip Originale; un regolabile che ti consente di modificare il gap e quindi l'aggressività, tipo il Merkur Futur.
"Sono proprio le soluzioni più semplici quelle a cui di solito non si dà  importanza e che, in genere, finiscono con l'essere trascurate".
(Sir Arthur Conan Doyle: Il segno dei quattro)
Avatar utente
ares56
Miglior foto di Aprile
Miglior foto di Aprile
 
Messaggi: 10841
Images: 1743
Iscritto il: 10/05/2013, 15:11
Località: Napoli

Re: Sull’aggressività dei rasoi di sicurezza

Messaggioda ischiapp » 05/03/2016, 11:23

Anche il Fatip OC Nuovo (2015) è molto più dolce della vecchia pialla.
Soprattutto con manico pesante, ottimo anche nell'uso quotidiano per chi ama un certo feedback della lama.
Io lo uso da qualche settimana, insieme al vecchio OC ed al Gentile, e devo dire che sono tutti ottimi ... con le dovute differenze.
Il mio preferito è diventato il Nuovo OC con Ufo Goliath Brass dell'amico Vicente.
Nè può essere, dove è grande disposizione, grande difficultà - Niccolò Machiavelli (Il Principe, Cap.XXVI)
My files: Tools & SOTD & Music & Movie
Saluti da Ischia, Pierpaolo
Avatar utente
ischiapp
 
Messaggi: 12746
Images: 1832
Iscritto il: 18/05/2013, 11:53
Località: Forio d'Ischia (NA)
Precedente

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti